La Sezione FIPSAS adegua la vigilanza ittica sul territorio

Come ormai risaputo le acque mantovane sono sempre più prese di mira da bracconieri senza scrupoli provenienti in buona parte da paesi dell'est europeo.
Questa situazione incresciosa mette in seria difficoltà le istituzioni che sono rivolte alla tutela della nostra fauna ittica.
La FIPSAS provinciale, che da anni si prodiga per difendere e incrementare il nostro patrimonio ittico, non si limita alla sola vigilanza, ma provvede anche a massicce e costose immissioni di pesce di certificata qualità, nonché alla raccolta di quello ancora vivo nei canali che periodicamente soffrono di asciutte parziali o totali. Per incrementare al meglio tutte le attività di prevenzione e tutela è stato indetto un corso di abilitazione che ha permesso di aumentare il numero dei vigilanti che assommano a ben 42 presenze coordinate da una guardia fissa.
I volontari hanno inoltre il compito di segnalare i casi più eclatanti di bracconaggio e di attentati al patrimonio ittico (inquinamenti improvvisi, morie di pesci, ecc.).
Per rendere più incisiva la protezione è stata creata la casella di posta elettronica BRACCONAGGIOMANTOVA@GMAIL.COM dove sarà possibile inviare segnalazioni di situazioni anomale sul territorio.
Con questa nuova iniziativa la FIPSAS spera di poter ulteriormente tutelare con rapidi interventi le nostre acque.
I pescatori sono stanchi di essere depredati del patrimonio ittico raggiunto in tanti anni di sacrifici e rimpiangono i tempi in cui Mantova era un'oasi felice.
Non di minor rilevanza poi il fatto che la pesca favorisce inoltre un consistente movimento di pescaturismo a tutto vantaggio delle nostre strutture di accoglienza quali strutture agrituristiche, ristoranti, alberghi e negozi.

 

Boccola Carbonello - Presidente FIPSAS Sez. di Mantova