Viene considerato “attrezzo” l’insieme della canna, del mulinello, della lenza e dell’eventuale elastico ammortizzatore; è consentito l'uso di una sola canna per volta (di qualsiasi tipo con o senza mulinello) armata di un solo amo. Il pesce deve essere guadinato personalmente dal concorrente. Nelle gare effettuate a coppie o a box è permesso l'aiuto nelle operazioni di guadinatura tra concorrenti appartenenti alla stessa coppia o allo stesso box. Quando si utilizza il guadino è obbligatorio che il pesce venga guadinato dall’acqua. È vietato l'uso di qualsiasi attrezzo atto a recuperare pesce autosganciatosi in aria e ricadente nel corso d'acqua. La misurazione degli attrezzi viene effettuata sulle canne in uso. Non costituisce illecito, ad esempio, detenere nel proprio box pezzi sciolti componenti di canna roubaisienne che, se montati, possono raggiungere misure superiori al consentito. Costituisce illecito utilizzare una canna teleregolabile aperta ad una misura inferiore alla lunghezza massima consentita ma con uno o più elementi chiusi, anche se bloccati con il nastro isolante o materiali vari.

Le canne roubaisienne non potranno superare la misura di metri 13.00 per i Seniores e Juniores, di metri 11.50 per i Master, per i Disabili, gli Allievi, i Giovanissimi e le Donne e di metri 10.00 per gli Esordienti.

Le altre canne non potranno superare la misura di metri 11.00 nella massima estensione, fermi restando i limiti massimi stabiliti per le categorie riportati nei Regolamenti Particolari delle Gare.

Sono consentite più canne di scorta armate, montate e innescate.

Sono consentite prove dei galleggianti e la misurazione del fondo prima dell'inizio della gara.

In tutte le gare, salvo che non sia espressamente consentito dal Regolamento Particolare, è vietata la pesca con il ledgering e l'uso del piombo terminale con l'applicazione o meno del galleggiante sulle lenze.

Perché il piombo non sia terminale, la lenza deve necessariamente attraversarlo e l'amo deve essere legato sul finale che fuoriesce dal piombo.

Nelle gare in cui è vietata la pesca a fondo il galleggiante deve essere di dimensioni tali da sostenere il peso dell'intera piombatura, deve inoltre essere in pesca (cioè nell'azionedi pesca non può essere lasciato permanentemente starato e meno che mai adagiato sull'acqua) e se lasciato libero, deve infine poter fluire con il corso della corrente.

E' altresì consentito appoggiare parte della piombatura sul fondo purché questa non rappresenti la parte principale della piombatura stessa.

È fatta deroga per le gare che prevedono specificatamente l'uso della pesca a fondo nel loro Regolamento Particolare; in questi casi è possibile pescare anche con galleggiante che non sostenga la piombatura o qualsiasi attrezzo armato di lenza con solo piombo senza galleggiante.

È vietata la pesca con azione di recupero sistematico.

È consentito disporre attrezzi atti a sostenere la canna in uso anche fissandoli alla pedana.

Clicca di seguito per visualizzare la Circolare Normativa 2018


CALENDARIO 2019

CALENDARIO 2018

CALENDARIO 2017

CALENDARIO 2016

CALENDARIO 2015


Per seguire l'attività nazionale: